Pesca a Mosca

L'AZIONE DI PESCA

La tecnica regina nel fiume Nera, è la classica pesca a mosca secca a risalire. Pur non trattandosi certamente di un fiume “facile”, generazioni di pescatori a mosca si sono formate in questo ambiente che, per le sue caratteristiche si può dire unico. Pescando in caccia con artificiali tradizionali come Devaux 699 o 700 – Royal Coachman – Panama – Adam's – March Brown, con imitazioni di Tricotteri e Plecotteri di grossa taglia oppure in estate con imitazioni di Terrestrial. Nel Nera si possono avere belle catture anche in assenza di attività di superficie, bisogna rispettare due regole fondamentali, essere accorti nell'avvicinamento al fiume e cercare di deporre la mosca ove si pensa possa esserci una trota, quindi il più vicino possibile alla riva a filo della vegetazione, oppure sotto i rami sporgenti, facendola derivare senza dragare. Da non sottovalutare il fenomeno del dragaggio, che in questo fiume costituisce, insieme alla folta vegetazione, la difficoltà maggiore per il pescatore. Con una buona tecnica di lancio si può riuscire a depositare la mosca nell'acqua calma vicino alla riva, evitando che la corrente centrale, di solito molto forte, porti via l'imitazione in un battibaleno. Lanci curvi e lanci rallentati costituiranno quindi, insieme a finali lunghi almeno 12-15 piedi, l'arma migliore per far rimanere il nostro artificiale in pesca il più a lungo possibile. Chi lo preferisce può pescare anche con la ninfa cercando le trote nelle profonde buche o nei sottoriva, tenendo ben presente che il regolamento permette un solo artificiale, e non è consentito l'uso di code affondanti e di piombi sul finale. Durante le schiuse le trote si dimostrano estremamente selettive, e talvolta azzeccare la mosca giusta è molto difficile, a causa anche della estrema varietà di specie di insetti presenti. E' ovvio che in queste situazioni l'arma migliore è la pazienza e lo spirito di osservazione, per cercare di capire cosa stanno mangiando in quel momento.
Per quanto riguarda i finali si possono usare sia finali conici che a nodi secondo le nostre preferenze, avendo l'accortezza di non scendere sotto i 12 o meglio i 15 piedi .Per quanto riguarda il tip, vista anche la presenza di grosse trote, è consigliabile non scendere sotto lo 0.14 a meno che non siate costretti, durante la schiusa, a pescare con imitazioni molto piccole. In quanto alla lunghezza della canna è bene utilizzare per la secca una 7'-7'6-8' per coda 3-4, mentre per la ninfa andrà bene una 8'6-9' per coda 4-5.

Gli insetti sono presenti in abbondanza e rappresentati da tre principali ordini: Plecotteri, Efemerotteri e Tricotteri.
Specialmente a fine primavera, inizio estate, è un vero spettacolo assistere al volo delle eleganti mosche di maggio, alle massiccie schiuse di Serratella , ai voli radenti e disordinati dei tricotteri che depongono le uova, oppure imbattersi in un grosso plecottero che attraversa rumorosamente il fiume camminando sull'acqua. La tabella allegata indica le specie più significative presenti nel fiume.

 
 

Legambiente Umbria © 2020 / Tutti i diritti sono riservati